Success Story | Webuild

Whistleblowing senza confini: Ecco perché Webuild ha scelto la soluzione digitale EQS Integrity Line

Webuild logo

La soluzione di whistleblowing per grandi aziende

Con i suoi 70.000 collaboratori e gli oltre 70 Paesi raggiunti, Webuild è un’azienda dal forte carattere internazionale. Il desiderio di garantire i più alti standard di compliance per ogni nazione in cui opera, combinato alle grandi dimensioni della società, fa sì che la scelta e l’implementazione di un sistema di whistleblowing siano complesse. 

Al fine di fare fronte a queste sfide, Webuild ha scelto di adottare un sistema di segnalazione di tipo digitale. Ecco alcuni dei principali motivi:

Inoltre, Webuild ha scelto di dotarsi di uno strumento di whistleblowing non solo per adempiere a specifici requisiti normativi, ma anche e soprattutto per trasmettere ai propri dipendenti i valori di trasparenza, integrità ed etica.

Investire in un canale di comunicazione di illeciti e tutelare i segnalanti ha contribuito a risollevare l’attenzione della società verso queste tematiche.

L'implementazione del sistema e l'accesso a terzi

Webuild ha scelto di affidarsi a EQS Group grazie a un’accurata analisi avvenuta in ambito di una gara d’appalto ufficiale. Sin dall’inizio era chiara la volontà di rendere il sistema accessibile direttamente via web, aprendo così l’accesso non solo ai diretti collaboratori, ma anche a clienti, fornitori e grande pubblico.

Malgrado la preoccupazione iniziale circa un utilizzo improprio del tool, i responsabili di progetto hanno constatato che questa scelta ha portato con sé un grande vantaggio competitivo. La possibilità da parte di clienti e fornitori di condividere segnalazioni (ancora prima che questa diventasse obbligatoria per legge nei Paesi europei – cfr. la Direttiva UE 2019/1937) ha migliorato sensibilmente il proprio rating ESG (Environmental, Social & Governance).

Construction zone

Divulgazione e promozione della piattaforma

Individuato il sistema di whistleblowing, si è reso quindi necessario comunicare il nuovo processo a tutti gli stakeholder. L’ufficio Comunicazione del Gruppo ha scelto di realizzare una campagna di comunicazione attraverso la piattaforma intranet aziendale e, in concomitanza, inviare email ad hoc. Non si trattava di un’introduzione ex-novo, ma piuttosto di un rinnovamento del precedente sistema di segnalazione. Particolarmente incisivo è stato il breve video realizzato dal CEO e volto ad illustrare i motivi che avevano spinto l’azienda a passare ad una soluzione online aperta a terzi.

Le risposte a questo nuovo sistema sono state molteplici, così come lo sono il numero di Paesi dove l’azienda opera. Mentre in alcune delle nazioni dove Webuild è attiva esistono una tradizione e una cultura legate alla promozione dell’utilizzo delle segnalazioni (come Regno Unito, Stati Uniti e Australia), in altri Paesi sono emerse delle difficoltà di tipo culturale. Ancora oggi, nonostante Webuild sia un’azienda italiana, la maggior parte delle segnalazioni proviene dall’estero.

Così come avvenuto con l’introduzione di altre novità, anche l’implementazione di un sistema di segnalazione ha sollevato nuove sfide. In questo caso i maggiori ostacoli da superare erano i dubbi circa l’effettiva riservatezza delle informazioni condivise, la possibilità di dare luogo a ritorsioni contro il singolo, così come la reale apertura di indagini obbiettive. Il team Compliance di Webuild ha scelto quindi di puntare sulla formazione, adattando lo stile comunicativo e i messaggi alle diverse regioni.

» Webuild ha adottato un Sistema Anticorruzione, gestito in linea con i requisiti della norma UNI ISO 37001: 2016 (Anti-Bribery management system). Grazie ad EQS Integrity Line siamo in grado di ricevere tutte le informazioni propedeutiche agli audit interni ed esterni. I dati ricevuti, inoltre, sono archiviati in maniera conforme al GDPR e a tutte le normative nazionali e internazionali. Questi sono parametri fondamentali al fine di mantenere i nostri elevanti standard di certificazione. «

Daria Angelini, Head of Compliance at Webuild

Daria Angelini
Head of Compliance,
Webuild

Webuild

Webuild S.p.A. (fino a maggio 2020 denominata “Salini Impregilo S.p.A.”) è un gruppo industriale italiano specializzato nella realizzazione di grandi infrastrutture complesse. Attivo in oltre 50 Paesi, con una squadra di 70.000 dipendenti e un fatturato di 6,4 miliardi di Euro (risultati economico-finanziari 2020), il Gruppo è uno dei principali player globali nel settore delle costruzioni.